Nel 2003/2004, mentre lavoravo presso HPLabs, a Palo Alto, California e di nuovo nel 2011/2012 sotto richiesta di un cliente, ho partecipato alla realizzazione di progetti di video sorveglianza su architetture embedded. Nel 2003 il mio lavoro si basava su una rete collaborativa di nodi di video sorveglianza; ogni nodo era equipaggiato con

    • processore PXA XScale (ARM) di Intel a 500Mhz
    • Linux (familiar distribution)
    • telecamera low-cost
    • connessione wifi (ad-hoc, AODV routing)

ed effettuava object tracking tramite background differencing.

SeViT22-t.jpgXScale Processor for Video Surveillance @ HPLabs

 

Un nodo a livello superiore univa le tutte le informazioni e forniva il posizionamento degli oggetti sulla planimetria 2D. Tutto il sistema di tracking era in comunicazione con un sistema di controllo accessi basato su RFID HF/UHF e successivamente ho integrato controllo biometrico con impronta digitale che registrava il template dell’impronta direttamente nella memoria rd/wr del tag RFID.

SeViT11-t.jpgXScale Processor for Object Positioning and RFID @ HPLabs

 

Per maggiori informazioni si faccia riferimento alle slide presentate al Bay Area Vision Meeting 2004 , Palo Alto o al brevetto U.S. Patent 7,057,509.

Più di recente mi è stato commissionato lo studio di architetture DaVinci e OMAP di Texas Instruments, che uniscono la flessibilità del processore ARM alla potenza di DSP progettati specificamente per multimedia streaming e video surveillance. Il progetto è in corso e non pubblico qui ulteriori dettagli. Potete comunque contattarmi e/o fare riferimento al promo di Texas Instruments:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>